notizia Agenzia Italiana del Farmaco

notizia Agenzia Italiana del Farmaco

Struttura degli steroidi, fattore genetico, peculiarità dell’organismo – tutto questo influenza in modo decisivo l’efficienza degli steroidi. Così, ad esempio, in alcune persone alcuni steroidi possono causare l’acne, mentre in altri gli stessi farmaci, nelle stesse dosi non provocano reazioni [1]. Gli steroidi anabolizzanti, aumentando la sintesi proteica nel corpo, aumentano lo spessore degli elementi miofibrillare (actina e miosina). Aumentano anche il potenziale energetico delle cellule muscolari.

  • Si raccomanda un attento monitoraggio dei possibili effetti collaterali.
  • L’obiettivo della TRT è quello di raggiungere livelli sierici di testosterone all’interno del range dei maschi eugonadici.
  • L’obiettivo della terapia ormonale sostitutiva con testosterone, indipendentemente dalla formulazione utilizzata, è quella di normalizzare i valori di testosterone ematico.
  • La modalità di screening raccomandata è la valutazione anamnestica, clinica e il dosaggio del testosterone e delle gonadotropine (FSH, LH).

Tra le cause organiche responsabili di insorgenza di ipogonadismo ipogonadotropo si annoverano invece patologie espansive dell’ipofisi e dell’ipotalamo, ipopituitarismo secondario a cause vascolari e l’emocromatosi, adenomi ipofisari secernenti prolattina, cause infiammatorie secondarie a patologie autoimmuni. Per questo motivo lo schema terapeutico deve essere impostato dal proprio medico, dopo un’attenta valutazione dello stato di salute del paziente, della sua condizione clinica e del suo obiettivo terapeutico. Sostanziali differenze nelle dosi e nelle frequenze di assunzione sono inevitabilmente correlate alla differente natura farmaceutica del prodotto e di conseguenza all’emivita dello stesso prodotto. Il testosterone propionato contenuto in TESTOVIS ® e disciolto in olio di ricino dona all’ormone un peculiare profilo di assorbimento che si distingue da quello classico, per la rapida insorgenza dell’effetto terapeutico e per la lunga durata d’azione stimata intorno alle 4 settimane. Una volta assunto ed assorbito, data la natura sterolica della molecola, viene legato a proteine di trasporto come la SHBG e smistato tra i vari tessuti, dove, una volta convertito in DHT dall’enzima 5 alfa reduttasi, lega con maggior affinità recettori nucleari, modulando l’espressione genica della cellula in questione. Tale meccanismo biologico si traduce macroscopicamente nell’induzione della sintesi proteica, nel potenziamento dell’attività osteodepositrice e nel rafforzamento dell’ematopoiesi, utili a sostenere la fase anabolica ed inibire quella catabolica.

6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione – [indice]

Quindi nei diabetici il miglioramento del controllo glicemico può richiedere un adattamento posologico dell`insulina o degli altri farmaci ipoglicemizzanti. Nei soggetti in cura con anticoagulanti si può registrare un aumento della risposta a questi farmaci tale da richiedere una riduzione delle loro dosi per ottenere lo stesso livello di effetto terapeutico. La somministrazione contemporanea di corticosteroidi o ACTH può essere occasionalmente causa di comparsa di edema. Nel nanismo ipofisario il prodotto non sostituisce l`ormone GH del quale, anzi, in eventuali trattamenti combinati possono giovare al risultato. Gli steroidi anabolici sono da usare con cautela nei soggetti con ipertrofia della prostata. Nei pazienti affetti da cardiopatie, nefropatie o epatopatie è da tener presente la possibilità che lo steroide concorra ad accentuare la ritenzione idrico- elettrolitica e l`edema.

  • Nei casi di difficile raggiungimento del target di TSH, valutare i fattori che possono influenzare l’efficacia, la stabilità, la semplicità della terapia e prendere in considerazione anche eventualmente una differente formulazione del farmaco che presenti minori problematiche di assorbimento (tiroxina liquida orale o capsule molli).
  • Tenendo conto del caratteristico effetto virilizzante sul feto, non dovrebbe essere prescritto per l’HB o la gravidanza.
  • Obiettivo della rivalutazione è infatti stabilire se vi sia una spontanea progressione puberale o al contrario la necessità di trattamento ormonale.
  • La necessità di questo farmaco, lo scopo del regime di trattamento, i metodi e la dose del farmaco sono determinati esclusivamente dal medico curante.

In presenza di deficit di GH si consiglia comunque un controllo della funzionalità ipofisaria globale e un imaging ipotalamo ipofisario (di scelta RM). Lo screening per il deficit di GH acquisito è consigliato in tutti gli adulti con emoglobinopatia. Nelle rare forme di insufficienza surrenalica primitiva, va valutata anche l’associazione di basse dosi di fludrocortisone, per coprire il deficit mineraloattivo. Classicamente i segni clinici di un ipocorticosurrenalismo sono caratterizzati da ipotensione, specie ortostatica, alterazione degli elettroliti caratterizzata da iposodiemia, dalla presenza di bassi valori glicemici e spesso da alterata sensazione di benessere con una alterazione del tono dell’umore. Questo corredo sintomatologico non specifico, talvolta accompagnato da mialgie e facile stancabilità, può drammaticamente peggiorare nella cosiddetta crisi surrenalica in caso di eventi acuti o situazione che necessitino di una maggiore presenza circolante di cortisolo (stress acuti, febbre, eventi intercorrenti). L’ipocorticosurrenalismo può essere escluso nei pazienti con valori di cortisolo al mattino superiori a 400 nmol/L (15 mcg/dL).

Controindicazioni: quando non dev’essere usato Testovis

La determinazione della emoglobina glicosilata (HbA1c) non è raccomandata nei pazienti con emoglobinopatia né per la diagnosi di diabete né per il monitoraggio del controllo glucidico. Il fattore maschile della fertilità è correlato all’integrità della funzione ipotalamo-ipofisaria e testicolare e delle vie spermatiche. Nelle talassemie la causa principale di infertilità è il sovraccarico di ferro a livello del relativo asse endocrino5, con ipogonadismo prevalentemente centrale o ipogonadotropo; contribuiscono inoltre comorbilità frequenti come diabete ed epatopatia cronica. Meno chiaro, ma sicuramente non trascurabile, è il ruolo svolto da ipossia cronica e stress ossidativo, che inducendo danni a carico di membrana, nucleo e proteine degli spermatozoi può ridurre la qualità dello sperma15,59,83.

  • I dati sulla salute riproduttiva nella popolazione generale sono inficiati da inaccuratezza in quanto derivati da casistiche disomogenee e non confrontabili85; secondo una recente valutazione della European Association of Urology, il 15% delle coppie avrebbe un problema di infertilità, e nel 50% dei casi sarebbe in gioco un fattore maschile77.
  • Si raccomanda di eseguire lo screening per disturbi del metabolismo glucidico a partire dai 10 anni di età.
  • La terapia dell’ipocorticosurrenalismo consiste nella somministrazione di glucocorticoidi, cercando di riprodurre la fisiologica produzione surrenalica, caratterizzata da una maggiore quota al mattino con una progressiva riduzione dell’impregnazione di cortisolo circolante con il passare delle ore della giornata.
  • La lunghezza delle gambe può essere determinata misurando l’altezza da seduti e sottraendola all’altezza totale (altezza subischiatica).
  • Il dosaggio da 75 è quindi un dosaggio standard, medio-alto, ma dipende dalla sua necessità e sensibilità.

L’oxandrolone è uno steroide di Classe I, cioè che significa che la maggior parte dei suoi effetti sono dovuti ad una diretta interazione del composto con il recettore androgeno (RA), e spiga anche la scarsità dei suoi effetti collaterali in confronto ad altri steroidi androgeni. Notoriamente, l’oxandrolone è considerato un debole agente anabolizzante. Come già accennato, l’oxandrolone è alchilato in posizione 17α, che lo protegge http://hoteletapmola.com.tr/gli-effetti-collaterali-del-clenbuterolo-un/ da una estesa demolizione della molecola dopo l’assunzione, come avviene per il testosterone, e ne prolunga considerevolmente la vita-media (9 ore vs.10-20 min del testosterone), ma diminuisce la capacità dello steroide di legarsi al recettore androgeno. I due effetti si bilanciano, così che si ritiene che l’oxandrolone sia una molecola fisiologicamente attiva. Queste modificazioni sono le più favorevoli per il dosaggio orale.

Si suggerisce di valutare l’inizio della terapia nel paziente con ipotiroidismo subclinico, caso per caso, in base a età, livelli di TSH, quadro clinico. In particolare, nei pazienti con malattia aterosclerotica cardiovascolare o ad alto rischio cardiovascolare, nei pazienti con scompenso cardiaco o malattia renale sono raccomandati gli inibitori di SGLT-2 e gli agonisti del GLP-1 con dimostrato beneficio cardiovascolare93. Non ci sono ancora dati sul loro utilizzo in pazienti talassemici, e questo è un limite da superare con studi appropriati, per valutarne l’utilità anche in questa popolazione di pazienti.

Hanno alterata glicemia a digiuno o impaired fasting glucose (IFG) i pazienti con glicemia a digiuno tra 100 e 125 mg/dl. Nei pazienti con iperprolattinemia, si raccomandano RMN ipofisaria e terapia con farmaci dopamino-agonisti, se non controindicata, per migliorare la spermatogenesi. L’uso di GnRH per la stimolazione della spermatogenesi non è raccomandato nel paziente con emoglobinopatia e ipogonadismo in quanto non è intatto l’asse ipotalamo-ipofisi-gonadi. Hanno infertilità i pazienti maschi che non hanno concepito dopo almeno 12 mesi di rapporti mirati non protetti e presentano spermiogramma alterato. In presenza di ipogonadismo ipergonadotropo, si raccomanda ecografia testicolare.

È una condizione clinica particolarmente grave e potenzialmente fatale per l’incapacità, in esito alla scarsità di cortisolo, di mantenere un’adeguata funzione pressoria e nel mantenimento dell’omeostasi dei fluidi e degli elettroliti. Descritta per la prima volta circa 160 anni fa da Thomas Addison, la presenza di iposurrenalismo nel paziente affetto da emoglobinopatia è principalmente secondaria all’accumulo di ferro a livello della ghiandola ipofisaria e, in misura probabilmente meno rilevante, a carico della corticale del surrene125. Si raccomanda di somministrare la terapia sostitutiva in 2-3 dosi giornaliere con maggiore dosaggio al mattino al risveglio. I test di stimolo raccomandati sono il test all’ACTH, low dose (1 mcg ev) o standard dose (250 mcg ev), e il test al glucagone, da scegliere in base alla dimestichezza del centro nei confronti del test stesso, alla disponibilità dei farmaci e la necessità di testare altri assi (possibile con test al glucagone). In questo caso va instaurata una terapia di emergenza con somministrazione endovenosa di calcio gluconato114,117, embricata con la somministrazione orale di calcio e calcitriolo. Tipicamente i pazienti trasfusione-dipendenti sviluppano ipoPTH nella seconda decade di vita, con tassi variabili tra 0,3 e 32%.

SUSTANON ® – Testosterone propionato

Il testosterone non ha alcun ruolo nel trattamento dell’infertilità maschile e anzi ha un effetto negativo sulla spermatogenesi; nei pazienti in terapia sostitutiva deve essere sospeso prima dell’induzione con gonadotropine77. Hanno ipogonadismo ipogonadotropo (da causa ipotalamo-ipofisaria) i pazienti maschi con basse concentrazioni di testosterone associati a livelli di gonadotropine ridotti o inappropriatamente normali. Hanno ipogonadismo i pazienti maschi adulti con segni e sintomi suggestivi associati a bassi valori di testosterone, confermati in due determinazioni avvenute con corretta modalità del prelievo. Diversi studi hanno dimostrato che almeno un terzo delle pazienti con talassemia trasfusione-dipendente necessita di tecniche di riproduzione assistita, con buon outcome materno e fetale62,63. Tuttavia, il possibile sviluppo di complicanze e la presenza di complicanze preesistenti alla gravidanza richiedono un approccio multispecialistico e un monitoraggio stretto64.

Il testosterone è un ormone sessuale tipicamente maschile ma importante anche nelle donne.Quando il medico sulla base dei sintomi e degli esami diagnostici rileva livelli di testosterone bassi, può decidere di prescrivere un farmaco che contenga questo ormone. Inoltre la concomitante assunzione di anticoagulanti potrebbe aumentare il rischio di emorragie, così come pazienti in terapia con cortisonici risultano più soggetti a ritenzione idrica ed ipertensione. Tra gli effetti metabolici del testosterone, quello sul metabolismo glucidico, in grado di migliorare la sensibilità insulinica, potrebbe determinare una riduzione del fabbisogno di ipoglicemizzanti in pazienti diabetici. Il test di stimolo tradizionale per il GH è stato l’ipoglicemia insulinica; questo test è oggi poco utilizzato per i rischi legati all’induzione di ipoglicemia, in particolare in soggetti fragili. Il test più largamente utilizzato è il test di stimolo con GHRH+arginina, i cui risultati vanno interpretati tenendo conto dell’età e del BMI del paziente23. Il test GHRH+arginina è uno stimolo molto potente, che agisce anche direttamente a livello ipofisario e che pertanto può non riuscire a identificare un deficit di GH da causa ipotalamica.

Tutti gli studi riportano un significativo miglioramento della stato fisico, dell’aumento della massa muscolare, dell’appetito e del recupero. I pazienti assumevano 15 mg al di dì oxandrolone per 4 mesi (Romeyn and Gunn 2000). Ha dimostrato che l’associazione di oxandrolone 20 mg al dì per 2 mesi associato ad un programma di esercizio di resistenza da i migliori risultati sul recupero dello stato fisico e muscolare (Strawford, Barbieri et al. 1999). Quindi, per riassumere, possiamo dire che, nonostante l’enorme numero di effetti collaterali, che sono senza dubbio negativi, molte persone usano sempre più steroidi ogni anno. Tuttavia, gli steroidi erano originariamente destinati ad uso medico, come il ritardo nell’adolescenza o il recupero muscolare dopo una prolungata fame, ad esempio nel dopoguerra. Sulla base delle indagini strumentali,  della funzione endocrina e della negatività della ricerca degli anticorpi anti-ipofisi veniva quindi posta diagnosi di ipogonadismo ipogonadotropo idiopatico dell’adulto, causato da insufficienza gonadotropinica isolata.

Lasă un răspuns

Adresa ta de email nu va fi publicată. Câmpurile necesare sunt marcate *

Poți folosi aceste etichete și atribute HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>